• Prezzo scontato

Tassinaia Toscana Rosso IGT 2014 - CASTELLO DEL TERRICCIO

41,00 €
31,00 € Risparmi 10,00 €
iva inclusa

Il suo nome, che significa "luogo dei sassi", deriva dall’abbondanza di pietra presente nel sottosuolo di questi terreni. Pietre che in passato sono servite alla costruzione della maggior parte dei fabbricati presenti sul lato del podere dove si trovano i vigneti chiamati "Tassinaia". Il vino è ottenuto da uve cabernet sauvignon e merlot in percentuali pressoché uguali. La vendemmia viene effettuata a mano, a partire dalla seconda settimana di settembre per il merlot, dalla quarta per il cabernet sauvignon. Completata la fermentazione, i vini maturano separatamente in barriques d’Allier, in parte di secondo passaggio, per 14-16 mesi. Il vino viene poi assemblato e imbottigliato. Completa l’affinamento con 12 mesi in cantina prima di essere commercializzato.

Quantità

  • DI ORIGINE ITALIANA CONTROLLATA DI ORIGINE ITALIANA CONTROLLATA
  • SPEDIZIONE CON IMBALLAGGIO DEDICATO,E DOPO €99,00 LA SPEDIZIONE E' GRATIS SPEDIZIONE CON IMBALLAGGIO DEDICATO,E DOPO €99,00 LA SPEDIZIONE E' GRATIS
  • SCELTO & DEGUSTATO DAL NOSTRO SOMMELIER SCELTO & DEGUSTATO DAL NOSTRO SOMMELIER

DENOMINAZIONE: TOSCANA IGT

VITIGNI: Cabernet Sauvignon 50%, Merlot 50%

REGIONE: Toscana

GRADAZIONE: 14°

FORMATO: bottiglia 0,75 lt

VINIFICAZIONE: Vendemmia effettuata a mano a partire dalla seconda settimana di settembre per il Merlot, dalla terza settimana per il Sangiovese e dalla quarta per il Cabernet Sauvignon. Vinificazione Fermentazione in vasche di acciaio inox a 30 ° C, 18 giorni per il Merlot, 16 giorni per il Cabernet Sauvignon e 15 giorni per il Sangiovese. Macerazione: 2-3 settimane. Affinamento in barriques d’Allier, in parte al secondo passaggio, per una durata complessiva di 14 mesi.

Castello del Terriccio ha una storia millenaria. La moderna storia del Terriccio ha inizio nel primo dopoguerra, quando la Tenuta viene acquisita dai conti Serafini Ferri, famiglia d’appartenenza dell’attuale proprietario. Fino agli anni settanta la Tenuta era ancora conosciuta prevalentemente per l'attività cerealicola, al punto da conquistare il record europeo di produzione del granturco in secondo raccolto. Questa specializzazione è rimasta ancora oggi - con una attenzione particolare per la coltivazione biologica di farro, frumento, foraggio e ulivi - ma nel tempo è stata superata in notorietà ed importanza dalla coltivazione di vigneti destinati alla produzione di vini pregiati: dai 25 ettari vitati nel 1980 si è passati infatti agli attuali 60.

CT002

Commenti Nessun cliente per il momento.

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password